Ad aprile 2021 l’inaugurazione di Casa Paisiello

Quindici mesi per far rinascere casa Paisiello. La dimora natale del celebre compositore tarantino sarà restaurata e riaperta al pubblico entro marzo 2021. E’ quanto prevede l’accordo siglato oggi, a Bari, tra Comune di Taranto e Regione. Tre i principali step previsti nel cronoprogramma: entro il primo febbraio 2020 completamento della progettazione definitiva ed esecutiva; entro gli inizi di marzo dello stesso anno il bando per l’affidamento dei lavori, da concludersi entro il primo marzo dell’anno successivo.
La vera sfida inizia adesso, e consiste nel seguire, passo dopo passo, l’iter che ci porterà, da qui ai prossimi mesi, all’inaugurazione di Casa Paisiello».
La firma di oggi segue l’emendamento  che ho presentato nel Bilancio regionale, ed ha assegnato 500 mila euro per il recupero di Casa Paisiello, in cofinanziamento con il comune di Taranto, che nel rispettivo Bilancio ha impegnato ulteriori 300 mila euro.

Oggi ho assistito a Bari alla firma del disciplinare tra Regione e Comune per la messa in sicurezza, restauro e conservazione di Casa Paisiello.
Nel dettaglio il cronoprogramma degli interventi:
Entro il 01.02.2020 completamento della progettazione per avviare il bando di gara per l’affidamento dei lavori di restauro.
Entro il 07.03.2020 pubblicazione del bando per l’affidamento dei lavori di restauro.
Entro 01.06.2020 sottoscrizione del contratto di esecuzione dei lavori.
Avvio dei lavori entro il 15.07.2020.
Completamento dei lavori entro il 01.03.2021.
Inaugurazione ed apertura al pubblico di Casa Paisiello entro 01.04.2021.
«Restituire casa Paisiello alla città  equivale a restituire simbolicamente la cittadinanza al celebre compositore. Taranto, come nel resto d’Europa, farà della casa natale del suo illustre concittadino, l’emblema e il simbolo della città»

l’atto dirigenziale sottoscritto tra Regione e Comune

Nessun Commento

Inserisci un commento