Arpa Taranto in crisi di personale. Chiesta audizione su piano occupazionale “7,5 milioni € per le assunzioni fermi al palo”

Arpa Taranto ancora senza personale, nonostante i roboanti annunci di Emiliano e milioni di euro per l’occupazione fermi al palo. Per questo, ho deciso di chiedere una audizione per conoscere lo stato di avanzamento del piano occupazionale.
“A distanza di quasi un anno e mezzo dalla promessa di assunzioni sbandierata dal Governatore (in una conferenza stampa di dicembre 2017) nel dipartimento ionico non c’è ancora traccia di nuove assunzioni . Restano chiusi in un cassetto i sette milioni e mezzo di euro erogati nel 2016, dal Governo alla Regione, per potenziare la struttura con 146 nuovi ingressi”.

“Dagli annunci di dicembre 2017 ad oggi, solo dodici dei 146 tecnici previsti dal sono stati assunti all’Arpa di Taranto. L’inerzia politica dell’amministrazione Emiliano sta diventando ormai proverbiale.
Il Governatore è riuscito a congelare fondi pronti per essere spesi, destinati a potenziare l’agenzia ambientale. La legge 151 del 2016, infatti, ha conferito alla Puglia la definizione del piano assunzionale finalizzato ad attività di vigilanza, controllo e monitoraggio di Arpa Puglia.
Il risultato dell’immobilismo è sotto gli occhi di tutti: Arpa Taranto, potenzialmente l’ammiraglia dell’agenzia in Puglia quanto a risorse stanziate, oltre che investita di attenzione politica senza precedenti, è invece un dipartimento in crisi di personale, sottodimensionata per risorse umane e strumentali.
Ed è dovuta proprio alla carenza di personale, oltre che agli orari di servizio dell’agenzia, la recente polemica sul “buco” dei report relativi alla qualità dell’ aria nel fine settimana”.

“Sollecito Emiliano ad attivare immediatamente le pratiche per l’avvio delle procedure concorsuali ad Arpa Taranto. Nel frattempo avanzerò in Commissione competente, richiesta di conoscere lo stato di avanzamento del piano assunzionale, contro l’inerzia della Regione che, a quasi tre anni dalla messa in campo delle risorse, tiene in ostaggio l’agenzia ambientale in città”.

Nessun Commento

Inserisci un commento