Consorzi un buco nero. Chiesti altri 6 milioni per stipendi. Corte Conti intervenga

Il buco nero dei Consorzi continua a inghiottire milioni di denaro pubblico. L’ultima richiesta, in ordine di tempo, è di altri sei milioni di euro per la gestione corrente degli enti. La necessità di una nuova, massiccia, iniezione di risorse – due anni dopo la Riforma – dimostra che non è cambiato nulla: giro di poltrone, bilanci in perdita e risultati disastrosi.”

“Emiliano si ostina a ricapitalizzare, con i soldi dei pugliesi, enti inefficienti, tecnicamente falliti, in perenne profondo rosso.
I Consorzi, malgrado la Riforma, e il ripianamento dei debiti, chiedono nel prossimo assestamento, sei milioni di euro per il pagamento degli stipendi ai dipendenti a fronte di zero servizi resi agli agricoltori.

Insomma: la Riforma di Emiliano, annunciata come una “ rivoluzionaria“ a tutela delle  casse della Regione Puglia messe a rischio dalla dissennata gestione del passato, continua invece a  produrre un vergognoso e incessante sperpero di denaro pubblico.
In assenza di una gestione industriale degli enti, si persevera in sprechi, amministrazione selvaggia e perdite milionarie, su cui mi auguro prima o poi farà luce la Corte dei Conti”

Nessun Commento

Inserisci un commento