Contributi acquisto parrucche: “Regione inadempiente, approvare subito legge in Consiglio”

Contributi acquisto parrucche: Regione inadempiente, approvare subito legge in Consiglio

La posizione congiunta di Franzoso e Marmo

“Le donne si difendono tutto l’anno, non solo l’otto marzo. Sul contributo per l’acquisto delle parrucche alle pazienti in cura oncologica, previsto in legge di Stabilita pari ad una somma di 600 mila euro, la Regione ha già colpevolmente perso tre mesi di tempo. Ora, non contenta, vorrebbe anche ridurre il fondo disponibile ad un terzo di quello previsto. Una scelta inammissibile, a cui rispondiamo ribadendo la necessità di approvare in via urgente la proposta di legge che libera integralmente le risorse e rende strutturale il contributo non solo per quest’anno, ma per sempre”.
“L’idea dell’assessore di attingere dal fondo di riserva per un importo di 200 mila euro da rendere subito disponibile – anziché approvare immediatamente la proposta di legge che ne svincola seicento – non solo è assurda, ma è anche impropria e ci espone a rischio di rilievo della Corte dei Conti per duplicazione della spesa. Il fondo di riserva dovrebbe essere utilizzato per spese impreviste ed imprevedibili, ossia nei casi in cui si verifichino esigenze straordinarie di bilancio e non vi sia dotazione finanziaria per la copertura degli interventi. Non si capisce quindi, perché se l’articolo 55 della Legge di Stabilita 2017 ha già stanziato 600 mila euro destinati all’acquisto di parrucche, si decida oggi di scomodare il fondo di riserva che tra l’altro dispone solo di un terzo della somma necessaria”.
“Ora, l’ulteriore passo da fare, così come previsto dalla legge, è approvare rapidamente la proposta di legge che giace da maggio scorso nei cassetti dell’Ufficio di Presidenza. Per questo ieri abbiamo protocollato, avvalendoci dell’art 17 del regolamento, la richiesta di trasmettere senza indugio la pdl in Consiglio, per l’esame dell’Aula. Proponiamo di convocare il Consiglio regionale martedì prossimo, 14 marzo, avente all’ordine del giorno l’approvazione della proposta di legge. Considerata la valenza sociale della questione – concludono i due consiglieri di Forza Italia – e la dichiarata necessità dell’assessore Negro di accelerare sull’erogazione del contributo, non è possibile perdere neanche un giorno in più”.

Nessun Commento

Inserisci un commento