Regionale 8, Franzoso scrive a Provenzano “Blindare risorse e consentire iter “Morandi” per i cantieri ”

“Il Ministro Provenzano intervenga per blindare i fondi della Regionale 8 e avviare i cantieri sul modello del ponte Morandi.
La competitività, quindi il futuro della provincia di Taranto, passa dall’avanguardia delle sue reti di collegamento stradale”.
Questa, in sintesi, la richiesta inviata in una lettera al Ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, sollecitando l’intervento del Governo dopo l’annuncio della Regione di voler dirottare i 122 milioni relativi al secondo e terzo lotto della strada Taranto- Avetrana, al fondo per l’emergenza Covid.

“La Regione Puglia  ha deliberato di riprogrammare le risorse del Fsc e del Patto per la Puglia, per un importo pari a 270 milioni di euro, destinandole alla ripresa post-Covid.
Tra queste, ci sono 122 milioni e 400 mila euro per la strada Talsano-Avetrana – articolati in 51 milioni e 800 mila euro per il secondo lotto e 70 milioni e 600 mila euro per il terzo – che la Regione ha scelto di utilizzare per gli interventi di emergenza.
L’opera viaria destinata a collegare Talsano ad Avetrana è attesa da decenni e, a febbraio, era arrivata ad uno snodo cruciale, in quanto la Provincia di Taranto aveva depositato in Regione la V.i.a. del primo lotto.
Senza questa infrastruttura, denominata “Strada Regionale 8”, la provincia di Taranto pagherà a vita il gap legato alla vetustà dei collegamenti”.
“Converrà con me Ministro, che la facilità e la rapidità degli spostamenti è condizione necessaria per puntare verso la ripresa economica di aree che già, prima dell’emergenza Covid, sopportavano un situazione di crisi alimentata, anche, dalla mancanza di competitività del sistema dei trasporti.”
Quindi il passaggio risolutivo cruciale:
“Le chiedo di intervenire affinché per il territorio di Taranto, non solo si blindino le risorse previste nel Patto per la Puglia , ma si avvii la realizzazione della Strada Regionale 8 con lo stesso modello Genova, che darà linfa al tessuto imprenditoriale locale, superando gli ostacoli della burocrazia”
“La sfida che ci attende, richiede la capacità della politica e delle istituzioni tutte di intravedere la strategia giusta per ripartire che non può far altro che passare da una grande opera di cantierizzazione del Paese.“

24 aprile 2020

1 Commento

Inserisci un commento