Ilva: “Unico confronto è al Mise. Basta sceneggiate di Emiliano”.

Ilva, Francesca Franzoso

E’ ormai stucchevole e di basso profilo l’ostinazione con cui Emiliano continua a convocare tavoli regionali sul caso Ilva. Non parteciperò al tavolo, dal momento che non ho intenzione di legittimare alcuna concertazione al di fuori di quella unica e ufficiale, in corso al Ministero per lo sviluppo economico.
In questa fase molto delicata – prosegue – con un primo via libera Ue, dobbiamo evitare confusione e soprattutto duplicazione di tavoli di confronto. Esiste già, come hanno ricordato i sindacati nazionali metalmeccanici, il tavolo al Mise per la discussione degli aspetti occupazionali, salariali, industriali e ambientali di Am Investco ed esiste anche il tavolo istituzionale presso il comune di Taranto attivato su richiesta degli stessi sindacati.
A ciò si aggiunga che i sindacati hanno anche concordato che questo tavolo istituzionale insediato a Taranto sia permanente e si riunisca ogni volta che un incontro al Mise viene convocato, proprio per tenere in sintonia i due livelli di confronto.
E poi, Emiliano ha chiarito definitivamente la sua posizione al concerto del primo maggio a Taranto: vuole, come i cinque stelle, la chiusura dello stabilimento. Pertanto, eviti sceneggiate.
Dall’inizio di questa tormentata vicenda, anziché esercitare un ruolo di responsabilità e di saggezza, Emiliano ha preferito lanciarsi in una guerra senza quartiere verso il Governo, tifando prima per la cordata industriale perdente, poi sostenendo la decarbonizzazione, e formulando un piano che ogni anno costa ai pugliesi centinaia di migliaia di euro, sempre attaccando tutto e tutti arrivando ad impugnare il Dpcm Ambiente al Tar.
Ammettiamolo: Emiliano utilizza l’Ilva – conclude – per distrarre l’attenzione dalle responsabilità politiche di sua competenza, come sanità e agricoltura, settori in ginocchio da quando governa la Regione.
Fortunatamente il salvataggio della più grande acciaieria d’Europa e dei suoi ventimila addetti non dipende da lui.

Nessun Commento

Inserisci un commento