Legge Taranto, strumento vuoto da città dei sogni e spot elettorale di Emiliano

Legge Taranto,: “ Non basta elencare obiettivi. Certezza sulle risorse”

«La legge per Taranto presentata oggi in commissione è un contenitore vuoto che la giunta Emiliano propone alla città. Un testo che è un insieme di titoli e di ambizioni, ma che non traccia una direttrice reale di sviluppo e non indica previsioni finanziarie. Insomma, uno spot lanciato ad hoc in campagna elettorale»

«Fare una legge per la città a costo zero per il bilancio regionale che non indica progetti, percorsi di attuazione, risorse disponibili, ha il sapore dell’ennesimo annuncio, che a Taranto non serve.

E poi: come può pensare la Regione ad una legge per Taranto, disancorandola dagli altri strumenti e dagli altri attori in campo, in primis il Cis e il Governo? Senza considerare l’assurdità di un testo di legge che vuole tracciare le direttrici delle città del futuro, ma avulsa dalla sua presenza industriale, che va dal capoluogo fino al polo aerospaziale di Grottaglie e alle connessioni col porto.

Emiliano, per una volta, ci risparmi la propaganda da città immaginaria dica invece cosa e quanto vuole finanziare, indicando obiettivi e percorsi concreti» .

Nessun Commento

Inserisci un commento