Modifica legge uso costa: Dopo la raffica di commissariamenti, la Regione si ravvede e mette ordine nel caos della norma per le concessioni

E’ servito commissariare 23 comuni per comprendere che la norma per il rilascio delle concessioni demaniali era confusa, contraddittoria e ha impedito di fatto, l’approvazione del Piano comunale delle coste da parte di decine di amministrazioni. Ma siccome alla fine quello che conta è il risultato, l’importante è che il Governo regionale ci sia arrivato. E che abbia deciso di mettere ordine nella materia, con una modifica alla legge sulla tutela e uso della costa, che ricopia l’emendamento che avevamo presentato a dicembre scorso, in sede di legge Finanziaria, poi bocciato dalla Giunta.
Mesi fa abbiamo chiesto le modifiche alla legge,  i comuni in molti casi non sono riusciti ad individuare le fasce di rispetto a causa della scarsa chiarezza della cartografia di riferimento.
L’emendamento, bocciato nell’ultima legge finanziaria dall’assessore Piemontese, fu ritenuto un problema per tutti quei Comuni che, nel frattempo, si erano dotati del Piano comunale delle coste. Oggi la verità è venuta a galla. La verità è che c’era poca chiarezza e adesso, dopo una serie infinita di difficoltà per i comuni, la modifica è arrivata. Meglio tardi che mai.

Nessun Commento

Inserisci un commento