Manovra post emergenza nel limbo degli annunci di Emiliano. Così ripresa a rischio

“Cassa integrazione col contagocce, manovra d’emergenza, da 665 milioni, ferma agli annunci. Gli interventi di Michele Emiliano per la ripresa economica pugliese sono ancora nel limbo e rischiano, se ulteriormente rinviati, di comprometterla definitivamente”.

“La fantomatica manovra da 450 milioni di euro annunciata ad aprile, è lievitata a 665 milioni il 6 maggio. Dentro, si dice, ci sono soldi per far ripartire lavoro e imprese.
Ma con due piccoli dettagli: dall’8 aprile ad oggi nessuno ha visto un euro perchè si tratta di soldi già destinati a determinate misure . Che si potranno spendere solo quando la rimodulazione delle risorse , della programmazione 2014 -2020 saranno autorizzate da Roma e Bruxelles. Solo allora diventeranno reali ed effettive.

Altro capitolo, la cig. Ci sono 123.554 pugliesi che attendono la cassaintegrazione relativa ancora al mese di marzo, a cui a breve si aggiungerà quella di aprile.
Lo Stato ha dato alla Regione la delega di convogliare nel sistema operativo tutte le domande di Cig in deroga attivate da 36.216 imprese pugliesi. Col risultato che tutti conosciamo: solo una manciata di pratiche (2.868) hanno completato l’iter ( decreto, verifica, autorizzazione, pagamento) le restanti sono ancora in attesa.

Insomma, lavoratori e imprese aspettano solo Michele Emiliano. Quando avrà finito con le abbuffate televisive, i comunicati in cui annuncia vagonate di milioni, lo aspettiamo altrove, dove non si campa di annunci ma di fatti”

1 Commento
  • Giulia
    Pubblicato alle 20:16h, 10 maggio Rispondi

    Ci sono anke gli arretrati del reddito di dignità.. Solo febbraio è stato erogato… Siamo a maggio.

Inserisci un commento