Regionale 8, “La Regione dirotta 122 milioni € della strada all’emergenza Covid”

“Stop alla Taranto – Avetrana. I fondi delle strada regionale 8, relativi al secondo e terzo lotto, pari ad oltre 120 milioni di euro, saranno dirottati per finanziare la manovra pugliese di gestione dell’emergenza Covid”.
Questo è quanto chiarito oggi, in I commissione Bilancio, da Pasquale Orlando, dirigente della sezione Programmazione della Regione Puglia.

“Parte della manovra da 270 milioni di rimodulazione del Fondo di Coesione e sviluppo (Fsc) attingerà, come avevamo previsto, da due dei tre lotti della Talsano – Avetrana, per un importo pari a 122 milioni e 400 mila euro.
Risorse – stando a quanto appreso – che la Regione si impegna eventualmente a rifinanziare nella programmazione 2021-2027.
I nostri timori, purtroppo, si sono rivelati fondati. Le risorse della strada regionale 8 saranno il bancomat da cui attingere per altri scopi. Anziché blindare le infrastrutture viarie della nostra provincia, Emiliano la cancella, sottraendo i fondi necessari per la operatività dei cantieri.

La storia non ha insegnato nulla al Governatore. Nel dopoguerra la ricostruzione passò in misura significativa per l’infrastrutturazione del Mezzogiorno.
Oggi, per essere all’altezza della sfida tremenda che ci attende, dobbiamo replicare quel modello.
Non possiamo consentire che vengano saccheggiati in tutto o in parte  risorse stanziate per la costruzione di infrastrutture strategiche, come la Taranto Avetrana.
Nè che a rimetterci sia ancora la provincia di Taranto, che già paga un dazio altissimo sul fronte della competitività dei sistema dei trasporti, a causa dello squilibrio nella ripartizione del fondo regionale.

Annuncio pertanto battaglia per scongiurare la perdita dei fondi destinati a Taranto e invito tutte le forze del territorio a parteciparvi.
Per I cantieri della Regionale otto si chieda al governo Conte il modello Genova e si avviino i cantieri che daranno, nell’immediato, linfa al tessuto imprenditoriale locale”.

Nessun Commento

Inserisci un commento